Gelati e Semifreddi

Gelato al Malaga

Quando ero piccola non capivo come mai mia madre non mangiasse mai il gelato… mi sembrava un alieno e mi domandavo: come fa a non piacerle??
Quelle poche volte che si lasciava convincere era sicuramente a causa del gelato al malaga.
Ho quindi cercato sul web alcune ricette… ma la ricerca non mi ha convinto. Quindi cosa ho fatto? Sono andata con il cuore e prendendo un po di spunti in qua e in là ho creato la mia ricetta.

Informazioni

  • Gusto: 8
  • Difficoltà: Facile
  • Tempi preparazione: 20 + 40 minuti (+ raffreddamento 3/4 ore)
  • Dose per 1 kg

Ingredienti

  • 120 g di uvetta sultanina
  • 1 bicchiere di rum
  • 250 ml di latte intero
  • 100 g di zucchero
  • 4 tuorli uovo
  • 500 g di panna
  • 40 gr destrosio

Procedimento

Qualche ora prima o la sera prima, o anche qualche ora prima di iniziare a preparare il gelato, sarà necessario mettere a bagno l’uvetta nel rum. Prendete quindi un bel bicchierone capiente, mettete all’interno l’uvetta e riempitelo con il rum scuro (se volete darlo ai bimbi è meglio usare acqua e fialetta al rum)

Preparazione gelato Scaldare il latte a fiamma bassa aggiungendo estratto vaniglia (senza portarlo a ebollizione)
Sbattere le uova e lo zucchero in una ciotola a parte.
Versare lentamente il latte caldo nel composto di uova e zucchero e mescolare con una frusta a mano.
Versare di nuovo il composto nel pentolino e riscaldare, sempre a fiamma bassa, mescolando finché non comincerà ad addensarsi ma senza farlo bollire (se avete un termometro da cucina, toglietelo a 85°)
Lasciate raffreddare il composto a temperatura ambiente e quando sarà freddo unire la panna liquida e mettere in frigo a raffreddare bene per almeno 3-4 ore.
Quando il composto sarà molto freddo preparate la gelatiera, versare il composto ed usare in base alle istruzioni della propria gelatiera. La mia gelatiera ha lavorato per 40 minuti.
Quando il composto nella gelatiera comincerà a solidificarsi unire l’uvetta scolata e strizzata e proseguire la preparazione.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *